Pagina:Questioni Pompeiane.djvu/52

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

― 24 ―

T. V.); questo per colpa certo dell’artista, non dà alcun arma a Prisco, ma sulla parete rilevasi chiaro la falce, ed è ancor questa ad angolo pressocchè retto. Parimenti sopra di altro intonaco è figurata un altra coppia di gladiatori, colle sue leggende ... NVS IVLIANVS IV • IS • PRIMIGIINIVS IVLIANVS XXIII IM M e Primigenio ha falcetta ad angolo retto. Per tutti questi esempii non può cader dubbio che l’arma dipinta sul trofeo pompeiano del ludus gladiatorius sia gladiatoria, e però dei Treci, Θρῄκες πρῶτοι τὴν καλουμένην ἅρπην εὖρον• ἔστι δὲ μάχαιρα καμπύλη. (Clem. Alex. Strom. 1, 16), siccome tutte le altre ivi dipinte, elmi a visiera, tridenti, galeri, e le lance altresì usatissime negli spettacoli, siccome anche lo dimostrano non pochi graffiti, ed alcune pitture, e lo aveva già insegnato Ovidio, ove nomina l’asta del gladiatore Velite, scrivendo, (Ibis, v.45)


Utque petit primo plenum flaventis arenae,
Nondum calfacti Velitis hasta solum.


Questo luogo fu così spiegato dal Salmasio (de Re Milit. p. 1408. Th. G. tom. X) molto prima del Maffei, il quale in egual modo lo intende.