Pagina:Raccolta di proverbi bergamaschi.djvu/14

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
14


La volp la lassa ’l pél, ma miga i vésseLa volpe (altri dice il lupo) perde il pelo, ma il vizio mai — Il Petrarca disse: Vero è ’l proverbio, ch’altri cangia il pelo, anzi che ’l vezzo. Lat. Vulpes pilum mutat, non mores.
L’è piö mèi strada ègia che sentér noèl — V. Esperienza.
Nó bisogna miga mèt sö di üsanse catìeNon bisogna mettere usanze cattive — Al dire del popolo toscano: È meglio ammazzare uno, ed anche: È meglio ardere una città che mettere una cattiva usanza.
Nó stà dàga al fantolì i vésse che no tó sé ’n càs de mantegnìNon dare al fantolino quelle abitudini, che non potrai sempre mantenere — Se ne ricordino i genitori, e le madri abbiano anche presente che
La mader pietusa fa la fiöla tegnusa — V. Vizi, mali abiti.
Tal pais, tal üsansa — V. Mutar paese.


ADULAZIONI, LODI, LUSINGHE.


Antet caagna che ’l manec l’è rótLodati cesto che il manico è rotto — Dicesi proverbialmente quando uno ha fatta un’azione da lui stimata bella e grande, che in effetto non è poi tale, anzi è tutta al contrario.
Chi no gh’a antadùr, i se anta d’ per lurChi non ha vantatori si loda da sè — Non si può negare che È assai comune usanza il credersi persona d’importanza; ma è pur vero che Chi fa il saputo, stolto è tenuto; e che Chi si loda s’imbroda.
Per rià a tegn sediöl, sbàsset zo a chi té carossaPer arrivare a tener calessino, inchinati a chi tiene carrozza.