Pagina:Raccolta di proverbi bergamaschi.djvu/81

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

81
Chi ’mpresta e che zöga, perd a’ la camisolaChi impresta e giuoca perde anco la camicia — Chi impresta sul giuoco, piscia sul fuoco (Tosc.).
Chi zöga, nó dormaChi giuoca, non dorme — «Può dire egualmente che il giuocatore sta all’erta per non essere ingannato, o che perde la tranquillità e il riposo.» (G. Giusti).
La mura l’è mataIl giuoco della mora è matto.
La prima l’è di sćèćLa prima è de’ ragazzi — Così dicono i giocatori quando perdono la prima partita, e dicesi anche:
La prima l’è di pötèi, la segonda l’è di piò bei, la tersa l’è a’ mò de quei.
Ol zöc l’è bel quando l’è cörtIl giuoco è bello quando è corto — Ogni bel giuoco vuol durar poco, perchè ogni troppo torna in fastidio.
Padrù de grisnà chi perdÈ padrone di ridere chi perde — ma Chi vince non dileggi.
Quel che perd l’è biót, e quel che ens l’è ’n camisaQuello che perde è nudo, e quello che vince è in camicia.
So l’ zöc al ga öl miga di complimènćNel giuoco non ci vogliono complimenti — Il giuoco è guerra.
Zöc de ma, zöc de vilàGiuoco di mani, giuoco di villani — Francese Jeu de main, jeu de vilain.


GIORNO, NOTTE.


A lüsùr de candéla ol cancàs al par télaV. False apparenze.