Pagina:Raccolta di proverbi bergamaschi.djvu/88

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
88

GOVERNO, LEGGI.


Facia la lege, troàt l’ingànFatta la legge, pensata la malizia (Tosc).
La lege l’e facia per i cojòLa legge è fatta pei minchioni.
Necessità no gh’à legeV. Bisogno, Necessità.
Quel ch’è di Cèsare è di Cèsare.
Ü desùrden di olte al càüsa ün ùrdenAlle volte un disordine cagiona un ordine — Uno sconcio fa un acconcio.


GRATITUDINE, INGRATITUDINE.


A fa del bé ai vilà i chiga ’n maV. Benificenza.
A fa del bé s’ tróa malV. Beneficenza.
A laà la cua a l’asen as’ perd l’aqua e ’l saùChi lava la coda all’asino perde l’acqua e il sapone — Dicesi del fare beneficj a chi non sa conoscerne il pregio, o a chi è ingrato.
Con piò s’ fa, mane as’ faPiù si fa, meno si fa — Maggiore il benefizio, maggiore l’ingratitudine.
Passada la festa, s’ bat ol santPassata la festa, si batte il santo — Avuta la grazia, gabbato lo santo; ed anche: Passata la festa si leva l’alloro.