Pagina:Raccolta di proverbi bergamaschi.djvu/87

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
87
Chi massa, mörV. Coscienza, Castigo de’ falli.
Chi no gh’à sort, gh’à semper tortChi non ha sorte, ha sempre torto — Eppure si dice che la legge è eguale per tutti.
Gne per tort gne per resù làsset mai röspà (o mèt) in presùNè a torto nè a ragione, non ti lasciar mettere in prigione.
I gh’à piò resù, chi usa piò fortChi più urla, ha più ragione.
La ròba sò s’ la pöl tö zo de l’altàrLa propria roba si può levare anche dall’altare.
L’è mèi öna magra comodassiù che öna grassa sentensa — perchè
Quel che vens resta ’n camisa, quel che perd al resta nüdQuello che vince resta in camicia, quello che perde resta nudo.
L’è miga assé viga resù, bisogna saì fala valìNon basta aver ragione, bisogna saper farla valere.
No gh’è catìa càösa che no tróe ’l sò aocàtNon c’è cattiva causa che non trovi il suo avvocato.
Ol prim ch’à confessàt i l’à ’mpicàtIl primo che ha confessato fu impiccato — quindi si dice anche:
Regina martirum, ma mai regina confessorumÈ meglio esser martire che confessore — È meglio, per coloro che sono in forza della giustizia, patire i tormenti che confessare i delitti commessi.
Solć e amicissia, ecc.V. Amicizia.
Tra i due litiganti il terzo gode.