Pagina:Rivista italiana di numismatica 1891.djvu/132

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
116 indice cronologico generale, ecc.

tive date delle ulteriori emissioni di questo tipo espiatorio. Cioè, la emissione B, anziché alla pestilenza del 433, dovrebbe assegnarsi alla pestilenza del 399, o del 392 (Liv., VII, 2); l’emissione C alla pestilenza del 392, o del 363 (Liv., V, 81); l’emissione D a quella del 363, o del 348 (Liv., VII, 27). Quest’ultime date parrebbero quasi star meglio in corrispondenza coi pesi. Tutto questo spiegherò meglio prossimamente, pubblicando a parte il quadrilatero del nostro ripostiglio n. 8; ed allora farò pure notare la relazione dei tripodi con gli oracoli Sibillini, dimostrata dai denari di L. Manlio Torquato (Babelon, I, p. 180), esibenti nel diritto la testa della Sibilla Cumana SIBYLLA, e nel rovescio il tripode apollineo, i quali ho dimenticato di citare parlando della rappresentazione della Sibilla nell’aes grave (v. p. 67 e segg.). Dirò allora anche dei denari di T. Carisio (Babelon, I, 316) e di quelli di L. Valerio Aciscolo (Babelon, n, p. 618), pure esibenti la testa della Sibilla Cumana e Valeria Luperca identificata alla Sibilla, a Partenope ed alla Aretusa Siracusana (v. note 36, 38). Intanto per i rapporti fra gli oracoli Sibillini e le pestilenze vedasi il recentissimo lavoro del Diels, Sibyllinische Blätter, Berlino, 1890, p. 77 e segg.


A pag. 77, parlando dei quadrilateri con l’aquila fulguratrice R/. gladio, visti da Mionnet, non pensai di mettere, più particolarmente, in rapporto questa emissione con le guerre sannitiche e con la vendetta, presa da Lucio Fapirio Cursore e da Publilio Philo, del fatto di Caudio (320 a. C.). L’aquila fulguratrice, simbolo dell’autorità dittatoriale di L. Papirio Cursore, lega col Pegaso, simbolo della cavalleria, dei quadrilateri di cui dissi a p. 67 - 71, i quali essendo di due emissioni, possono riferirsi: A alla seconda guerra sannitica (824-809 a. C.); B alla terza (298-290 a. C.). Il Pegaso dell’emissione A diventerebbe cosi, l’insegna parlante di Q. Fabio Rulliano; collega del Dittatore L. Papirio Cursore e vincitore con lui dei Sanniti nella qualità di Magister equitum. Riportando, poi i quadrilateri coll’aquila B. gladio alla vendicazione di Caudio (320 a. C.), resterebbe quasi meno dubbio il riferimento alle guerre Galliche per i quadrilateri col gladio R/. fodero, pure di due emissioni: A 390, 367 a. C.; B 345, 283 a. C.