Pagina:Rivista italiana di numismatica 1893.djvu/417

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
368 emilio motta

165. — 1452, gennaio 20, Lodi. — Lettera del duca di Milano al Consiglio segreto per quanto riguarda la fabbricazione delle monete in Parma e Pavia [Reg. duc., n. 129 A, fol. 50. — Riv. num., 1888, IV, p. 484].

«Havemo recevuto le vostre lettere et inteso quanto ne scriveti del fabricare delle monete a Pavia e Parma, et quanto preiudicio saria ale intrate nostre simile monete basse et maxime quelli triliri.» Rimesso al Consiglio di rimediare «perchè cossi exhorbitanti inconvenienti.... non habiano ad seguire che le littere quale procedano de qua al lato nostro più siano hobedite che quelle fate fare vuy in nostra persona.»

166. — 1452, marzo 1, Milano. — Decreto riguardante il valore di corso delle monete di Savoia [Reg. Panig. E, 33–33 t.Bellati Mss. — Cit. in Gnecchi, prefazione Biondelli, p. LVIII].

Vedendo «quanto preiuditio et danno continuamente segue al stato, ala camera et intrate et così Citadini et Subditi de la Signoria sua per lo disordinato et inadvertente spendere et corso se fa de alcune monete forestere casone de fare enormemente accresser loro et le monete doro, più de giorno in giorno» si comanda « che li quarti sive novini de Savoglia et de Losana, quali hanno circa le letere che dicano lodovichus dux Sabaudie, et se soglieno spendere per nove dinari luno da mò inante habiano corso et se spendano solamente per dinari sette.
« Che li decioctioni de Savoglia et de Losana quali se sogliano spendere per deceocto dinari luno che hanno intorno le sopradicte lettere ludovicus etc. da mò inante habieno corso et se spendano solamente per dinari sedeci.
« Che gli grossoni Arangonesi quali se sogliano spendere soldi quatro e mezo luno, da mo inante habieno corso et se spendano solamente per soldi quattro imperiali.
« Che le terline de Mantua quale in Cremona, Parma et Piacentia et alcune altre parte del dominio ducale se sogliano spendere per tri dinari luna, da mò inante se spendano solamente per dinari duy.»
Pena la confisca delle monete.