Pagina:Rosselli - Epulario, 1643.djvu/62

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

E P V L A R I O   C H E   I N S E G N A

[versione diplomatica]

dole incorporarai vn'onza de poluere, ò farina de amido, vn poco d’oua di luzzo com'è detto di sopra incorporandole insieme con lo detto pieno, & metterai de le lasagne à modo, che mostra in altri capitoli. E lassala cuocer adagio, & quando te parera che sia cotta, metteli di sopra del zuccaro con acqua rosata. E nota, che questa torta vuol'esser bassa.

Per far torta bianca di riſo, &c.

Habbi due libi e de mandole monde,e ben pifte, & vii ' poco de acqua rofata,e de brodo de rifo quando è pre/fri'. cotto, & con quello diftemperarai le dette mandole , W paffaraile per la ftamegna, &pigliaraivna libra de rifo tk cotto che fia il macinarai molto bene con le mandò^ le,aggiungendola due oncie di leuato bianco;& vn poco,c “V \ de farina de amido, ouer vn poco de oua de Iuzzo patta-?' to per U ftamegna còm’è detto di iopra, & vna libra de L* zuccaro:Itetn vn’onza de pignoli mondati, & rótti vrtP '-poco nel mortaio, ma non pifti quando iara mezza Cotrir ^ li metterai di fowa delle laiagneiecchebenfortile, &L * l - fornita di cuocer.1: gli metterai fopra del zuccaro, e de r l’acqua rofata. Et nota che quefta torra non vuol’ettctu troppo cotta.

Per far torta di cecere roſſe, &c.

Farai cuocer li ceci rotti, e quando fono ben cotti pi¬ ttali bene con il fuo biodo, &vn poco d’acqua rofata gli ! paffarai per la ftamegna ben ftretta, & habbi mandole monde fecondo la quantità, & grandezza > che tu vuoi 1 fare, e piflale molto bene,perchenon fi vogliono pattare f perla ftamegna, e con ette fi vuole pillare oncie tre d’v- j.r ua patta,e qualche ficco fecco.Item due oncie de pignoli^, rotti vn poco;& non pifti,giongendoui del zuccaro, e da . l’acqua rofata,della canelia,e del gégeuero mifcolato bé >| urne quelle cofe infieme,e per farla prédere gl’incorpo-1! rerai con della farina de amido, ò del’oua de bizzoco- m’è detto di fopra,e metterai a cuocer con vna crolla di $ ÌOUO.& quando ti pare pretto che cotta gli metterai fuſo


[versione critica]



del