Pagina:Vita di Dante, Petrarca e Boccaccio.djvu/149

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


LA VITA DI GIOVANNI BOCCACCIO


EGREGIO POETA


Secondo Giannozzo Manetti Fiorentino


felicemente comincia


Giovanni Boccaccio eccellente poeta del suo tempo, così parve succedere a Petrarca nella poesia, come questi poco prima era successo a Dante. Perciocché siccome Petrarca era di anni diciassette quando Dante trapassò, così nato egli pria di Boccaccio, averlo preceduto di nove anni. Pertanto in tale successoli vicendevole di questi prestantissimi poeti, opino, essere dalla stessa natura i loro acutissimi ingegni quasi allo stesso tempo desti, perchè in ciò, di cui da mille anni, parea, essere andato privo l'uman genere, quasi a bella posta, dopo tanti secoli fosse opportunamente, e alquanto rinfrancato, per non credersi cessata dagli uomini la poesia, se più a dilungo si fosse in tenebre giaciuta.

Giovanni dunque cognominato Boccaccio nacque da padre Boccaccio uomo onestissimo, e mercatante; oriundo da Certaldo castello del contado Fiorentino, siccome da più luoghi de'suoi scritti, e dall'epitaffio da lui stesso dettato, chiaramente


18