Pagina:Zibaldone di pensieri II.djvu/334

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
(989-990) pensieri 321

e scritti anche in maniera enigmatica e difficile. Restano parecchie lettere greche di Frontone. Resta l’opera greca di Marcaurelio, il quale imperatore scriveva parimente, com’é naturale, in latino, e cosí bene, come si può vedere nelle sue lettere ultimamente scoperte. Eliano, conosciuto solamente come scrittor greco, fu di Preneste e quindi cittadino romano, ed appena si mosse mai d’Italia. Nondimeno dice di lui Filostrato: Ῥωμαῖοις μὲν ἦν, ἠττίκιζε δὲ ὥσπερ οἱ ἐν τῇ μεσογείᾳ Ἀθηναῖοι (Fabricius, III, 696, not.). Intorno a Marcaurelio puoi vedere la p. 2166, fine. Non cosí i greci sapevano mai scrivere in latino. Anzi Appiano in Roma, scrivendo a Frontone, uomo latino, sebbene di origine affricana, scriveva in greco, e Frontone rispondeva parimente in greco, non in latino. E cosí molti libri di autori greci si trovano scritti in greco, sebbene indirizzati a personaggi  (990) romani o latini.

Le stesse cose appresso a poco si possono notare avvenute a noi riguardo al francese. Giacché, fino a tanto che la nostra letteratura prevalse o per merito reale o per continuazione di fama e di opinione generale, la nostra lingua era per tutti i versi piú studiata, piú conosciuta, piú dilatata fra i francesi ed altrove, e la nostra letteratura parimente, sí nella nazione che fra’ suoi letterati e scrittori; e si trovarono di quei francesi che scrivevano in ambedue le lingue francese e italiana. Ora accade tutto l’opposto; e si trovano degl’italiani, come anche non pochi d’altre nazioni, che scrivono e stampano cosí nella lingua francese, come nella loro; libri, parole, testi francesi si allegano continuamente in tutti i paesi di Europa; non cosí viceversa in Francia, dove difficilmente si troverà un francese che sappia scrivere altra lingua che la sua, e scrivendo a forestieri scriveranno in francese e riceveranno risposta nella stessa lingua; e dove è piú necessario che in qualunque altro paese cólto, che i passi o parole che si citano di libri forestieri,