Pagina:Zibaldone di pensieri II.djvu/395

Da Wikisource.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
382 pensieri (1070-1071)

quelle che in fatto di rettorica o di poetica ec. ebbero anche i greci ne’ migliori tempi. Che se i latini n’ebbero di molte e precise, perché le riceverono dai greci già fatti grammatici e rettorici, questa è pure una delle ragioni della poca libertà della loro lingua formata ec. ec., e resta compresa nella soverchia civiltà di quel tempo, che ho già addotta da principio come cagione di detta poca libertà (20 maggio 1821). Vedi p. 743-746. principio.


*    Quello che ho detto intorno alla novità delle parole cavate dalla propria lingua si deve anche applicare alla novità de’ sensi e significati d’una parola già usitata, alla novità delle metafore ec. Vedi Scelta di opuscoli interessanti, Milano, vol. IV, p. 54,58-61. I quali nuovi e diversi significati d’una stessa parola non denno però esser tanti che dimostrino povertà e producano confusione ed ambiguità, come nell’ebraico (20 maggio 1821).


*    Alla p. 807, margine. Dice Varrone che gli uomini (in sermones non solum latinos, sed omnium hominum necessaria de causa) «imposita nomina esse voluerunt quam paucissima, quo citius ediscere possent», intendendo per nomi imposti le parole radicali (Varro, De lingua latina, lib. VII, pag. 2 del I libro De analogia, nella ediz. che ho del quattrocento)  (1071) (21 maggio 1821).


*    Un antichissimo significato della parola inter, che ordinariamente è preposizione e in questo caso sembra essere stata usata avverbialmente, significato non osservato dai grammatici né da’ lessicografi (il Forcellini non ne fa parola alla voce inter, benché citi molti grammatici), fu quello di quasi, mezzo e simili. Del qual significato resta un evidente vestigio nelle parole intermorior, intermortuus, mezzo morto, che anche noi diciamo tramortire, tramortito, e quindi tramorti-