Pagina:Zibaldone di pensieri IV.djvu/213

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
(2372-2373-2374) pensieri 201

(onde gannum ec., che vedi nel Dufresne), voce conosciuta solamente nella barbara latinità, significò irridere ec. Ed osservate che appunto illudere, illusione ec., che significa primitivamente lo stesso, passò poi, specialmente presso i francesi, a significare assolutamente inganno, errore ec. Vedi il Forcellini e il glossario. Gannare vien dunque da gana e ne viene come ἐπιγάννυσᾤαι da γάνος e con lo stesso significato (non so se ganar, gagner ec. possano aver niente a fare col proposito. Vedi il glossario ec.)

Ecco dunque queste due parole, l’una latino-barbara, cioè gannare, l’altra vivente e popolare italiana  (2373) e spagnuola, d’ambe le quali, non solo non si sarebbe creduto che fossero antiche, e de’ piú buoni tempi, ma si sarebbe penato a congetturare l’etimologia, dimostrate non solo non moderne, non solo non derivate da’ tempi barbari, ma identiche con una radice antichissima che si trova nell’antichissimo greco, che nel greco de’ buoni secoli era già fatta antiquata, che non poté passare nel latino, donde solo poté venir sino a noi e al nostro volgo, se non da quando nacque il latino da una stessa origine col greco, e che perduta nel latino scritto si è conservata perennemente nel volgare, in modo che oggi la nostra plebe usa familiarmente una radice ch’era già poetica, e però già divisa dal volgo, sino dal tempo del piú antico scrittore profano che si conosca, cioè di Omero. Tanta è la tenacità del volgo e tanto sono antiche tante cose e parole che si credono moderne, per ciò appunto che l’eccesso della loro antichità nasconde affatto la loro origine e l’uso che anticamente se ne fece. E quindi potete argomentare  (2374) quante voci, frasi ec. latino-barbare o italiane, francesi o spagnuole, della cui origine non si sa nulla e si credono moderne o di bassa età, perché solo ne’ moderni o ne’ bassi tempi e monumenti si trovano, si debbano stimare appartenenti all’antichissima fonte de’ nostri