Pagina:Zibaldone di pensieri V.djvu/240

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
(3186-3187) pensieri 233

Del secondo genere1 sono coloro in cui la natura straordinariamente forte, e piú potente che nel comune degli uomini, ha superato e respinto l’arte, e non le ha lasciato luogo da situarsi, non per istrettezza e cortezza d’essa natura, ma perch’ella, sebbene amplissima ed estesissima, tutto il luogo essa medesima irremovibilmente occupò. Ciò sono le persone di carattere originale, straordinariamente vigoroso, costante, fermo, i quali rigettano le abitudini contrarie alla loro gagliarda natura e al detto carattere, di qualunque genere ei sia; e non soffrono di piegarsi e adattarsi agli altrui costumi, di seguire le altrui inclinazioni, di cangiare o di modificare o di nascondere e mascherare o finalmente di smentire se stessi; non ammettono né modi, né usanze, né gusti, né occupazioni, né istituti di vita, né parole, né fatti se non conformi esattamente alla loro primitiva natura ed indole, e da essa richiesti, cagionati, mossi, suggeriti. Questi sono  (3187) gli uomini chiamati singolari e originali; non mai stimati (certo oggidí, e nelle nazioni piú civili e socievoli, non mai), per lo piú disprezzati, ovvero odiati e fuggiti, sempre derisi. In questi tali tutto è forza, e per la forza si conserva in essi immutabile la natura. Altri pur v’ha del medesimo genere, ne’ quali avvengaché la natura sia parimente fortissima e potentissima, contuttociò si mescola in essi e nella natura loro una sorta di debolezza, e non poca. Ciò sono quelle persone di vastissimo finissimo e altissimo ingegno, al quale per la troppa capacità ed ampiezza sfuggono e in essa ampiezza si

  1. Può vedersi la p. 3491-4 circa la timidità che è propria di questo secondo genere e che affatto impedisce di essere stimato nella società, distrugge qualunque stima si potesse esser conceputa di un individuo prima di conoscerlo ec. Ella è sovente comune anche al primo genere, ma solo con quelli di cui hanno soggezione, laddove nel secondo con tutti, perché questi tali hanno soggezione di se stessi. Ella è affatto esclusa dal genere intermedio, e questo è il solo che ne sia sempre esente e al tutto sicuro.