Pagina:Zibaldone di pensieri VI.djvu/322

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
(3943-3944) pensieri 317

puntiglioso,1 anzi tutte queste cose son proprie degli uomini deboli e sfortunati (e quindi con verità si attribuiscono pariticolarmente a’ vecchi, massime donne), senza incontentabilità, malumore, scontentezza, senza umore soverchiamente collerico ed accensibile. La forza del corpo e dell’età e la prosperità delle circostanze dà a questi tali tanta confidenza in se stessi, che non che cerchino o curino il favor degli altri, sono piú soddisfatti di averli contrari, e godono di riguardar gli altri piuttosto come nemici che come amici o indifferenti, ed anche di averli veramente nemici piú o meno, secondo la qualità delle occasioni  (3944) e la forza fisica di questi tali. La loro conversazione e compagnia e convitto, massime a lungo andare, è veramente molto difficile e dispiacevole, benché essi sieno incapaci di tradimento, e servizievoli e benefici e compassionevoli e generosi. Essi sono, malgrado questo, poco capaci di amare e poco fatti per essere amici, ma essi sono altresí piú capaci e desiderosi di aver de’ nemici, che atti ad esserlo, perché son piú buoni all’ira che all’odio, a combattere che a odiare, a vendicarsi che a perseguitare. Anzi costoro son quasi incapaci di odiare, e l’ira eziandio propriamente presa in essi è molto blanda e breve, forse perché frequentissima (6 dicembre 1823).


*    La memoria, l’immaginazione, e oltre di queste anche l’altre facoltà dell’animo e dell’ingegno, s’indeboliscono e talora si estinguono coll’età, anche indipendentemente dalle circostanze estrinseche della vita, dall’esperienza e dalle altre cose che influiscono sul carattere, spirito, ingegno, e lo modificano ec. Il rim-

  1. Chi sia accorto, facilmente distingue e nella speculazione e nella pratica, e in ciascuna persona e caso particolare e nel generale, il carattere e costume puntiglioso e i fatti puntigliosi dal carattere ec. ch’io qui descrivo (il quale non è neppur lo stesso che quello del Burbero benefico di Goldoni ), che certo in realtà sono cose molto diverse e distinte.