Pagina:Zibaldone di pensieri VI.djvu/64

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
(3606-3607-3608) pensieri 59

(nel modo che altrove ho  (3607) detto), dalla fortuna o buona o ria argomentavano o la malvagità o la bontà, o il merito o il demerito di ciascuno, non istimando che né la sventura né la buona sorte potesse toccare agl’immeritevoli. Pur quanto gli fu possibile Omero non mancò di cercar di conciliare ad Achille cogli altri affetti i piú favorevoli, anche l’affetto dolcissimo della pietà, madre o mantice dell’amore. Ciò non solo coll’accidentale sventura della morte del suo amico Patroclo e con altre tali, ma col mostrare eziandio, come in lontananza, la finale sventura e l’infelice destino del bravo Achille, che per immutabile decreto del fato aveva a morire nel piú bel fiore degli anni, e questo in prezzo della sua gloria, ch’egli scientemente e liberamente aveva scelta e preposta, insieme con una morte immatura, a una vita lunga e senza onore. Tratto sublime che perfeziona il poetico e l’epico del carattere di Achille, e della sua virtú, coraggio, grandezza d’animo ec., e che finisce di renderlo un personaggio sommamente amabile e interessante.

Il carattere di Enea partecipa molto de’ difetti di quel di Goffredo. Egli ha piú fuoco, ma e’  (3608) non lascia però di essere alquanto freddo (e un carattere freddo sí nella vita sí ne’ poemi lascia freddo e senza interesse il lettore, o chi ha qualunque relazione reale con esso lui, o di lui ode o pensa); egli ha o mostra piú coraggio personale e valor di mano, ma queste qualità ci appariscono in lui come secondarie, e poco spiccano, e tale si è l’intenzione di Virgilio, il quale volle che ad esse nel suo Eroe prevalessero altre qualità, che non molto conducono, o piuttosto nuocono all’essere amabile. La pazienza in lui è simile a quella di Ulisse. La prudenza e il senno soverchiano ed offuscano le altre sue doti, non quanto in Goffredo, ma tuttavia troppo risaltano e troppo sono superiori all’altre sue qualità, e troppo è maggiore la parte ch’esse hanno. Troppa virtú morale, poca forza di passione,