Pagina:Zibaldone di pensieri VII.djvu/108

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
(4172-4173) pensieri 103



*    «Dieu puissant! permettez que ces tems déplorables Un jour par nos neveux soient mis au rang des fables». ibidem.


*    Corata-coratella, curatella, coradella ec.


*    Grattare-grattugiare. Sciorinare verbo diminutivo. Vedi Monti, Proposta. Macinare, macerare, macina-maciullare, maciulla. Spilluzzicare (da spelare).


*    «Sarmata, stando all’etimologia del nome, significa carrettiere da ἅρμα, che in greco vuol dir carro, ed aggiuntavi l’aspirazione sarma. Dal non aver usato que’ popoli (dell’alto ed ultimo settentrione dell’Europa e dell’Asia) abitazioni fisse, per aver avuto case traslocabili come specie di carri,  (4173) furono da’ Greci chiamati Sarmati». Ciampi, nell’Antologia di Firenze, febbraio 1826, num. 62, p. 28. not. 6 (30 marzo 1826, Bologna).


*    Piaggia, spiaggia, diminutivi positivati di plaga, da plagula, come nebbia da nebula, ec. ec.


*    Elevato, sollevato, per alto. Vedi Crusca in Elevatissimo e Sollevatissimo.


*    A voler che uno possa esser buon comico o buon satirico, è di tutta necessità che questo tale sia, o sia stato degno di satira e di commedia, e ciò per non poco tempo, e in quelle cose medesime che egli ha da porre in riso (Bologna, domenica in Albis, 2 aprile 1826).


*    Homme emporté per qui s’emporte, che è solito s’emporter. Empressé.


*    Accuratus, accurato ec., per qui curat, o qui accurat.