Patti chiari!

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Gandolin

XIX secolo P letteratura letteratura Patti chiari! Intestazione 12 settembre 2008 75% letteratura

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


A una buona ragazza

Io ti domando amore, o mia fanciulla;
ma un pacifico affetto.
Tutto ti chiedo e non pretendo nulla:
quel che vuoi darmi, accetto.

Per esempio, mia cara, io già non dico
che tu fedel mia sia:
mi devi, anzi, tradir con qualche amico,
ma senza ipocrisia.

Farai pure il piacer di non parlarmi,
manco in sogno, del core,
com'io mi guarderò dal protestarmi
tuo solo unico amore.

Resti compreso pur, nei nostri patti,
ch'io non voglio memorie:
né guanti, né capegli, né ritratti,
né fiori, né altre storie.

Lettere mai - s'intende - né biglietti
ci scriverem tra noi.
Credi, che è meglio, al mondo, essere schietti,
per non pentirsi poi.

Discreto amante e tenero m'avrai;
non ti sarò d'impiccio.
Sorrisi e baci, o bella, mi darai
se ti verrà il capriccio.

Senza pensieri amor, senza molestie:
tale è il mio desiderio!
Ma invece... finirem, come due bestie,
per amarci sul serio!

Note

  1. Romanza scritta da Gandolin e musicata da Francesco Paolo Tosti (1846-1916)