Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/1256

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 1256

../1255 ../1257 IncludiIntestazione 23 febbraio 2013 100% Saggi

1255 1257


[p. 37 modifica] [p. 38 modifica]


*   Se intorno alla bellezza umana molte cose si trovano nelle quali o tutti o quasi tutti gli uomini convengono, questo non è giudizio, ma senso, inclinazione ec. ec. e non ha che fare col discorso astratto e metafisico della bellezza. Le donne che Omero chiama βαθύκολποι (Il, σ. (18), v. 122, 239, ω. (24), v. 215, Hymn. in Vener. IV, v. 258, quivi delle ninfe montane) parranno a tutto il mondo piú belle delle contrarie. La cagione è manifesta e non accade dirla. Certo non è questa né il tipo della bellezza, né un’idea innata, né un giudizio, una ragione ec. I fanciulli staranno molto tempo ad avvedersi che quella qualità che ho detto sia bellezza e a far distinzione di beltà fra una donna che l’abbia e un’altra che ne sia priva. Né solo i fanciulli, ma anche i giovani mal pratici e poco istrutti di certe cose, quantunque assuefatti a vedere; i giovani modestamente educati ec.; del che interrogo la testimonianza di molti. Le donne tarderanno assai piú ad avvedersi di questa cosa e non concepiranno per lungo tempo né giudizio né senso di bellezza differente fra due donne ec. Vedi p. 1313, fine.

E tuttavia questa qualità ch’io dico passa