Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/1477

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 1477

../1476 ../1478 IncludiIntestazione 14 gennaio 2014 100% Saggi

1476 1478

[p. 183 modifica]


*   Non v’é infelicità umana la quale non possa crescere. Bensí trovasi un termine a quello medesimo che si chiama felicità. Può trovarsi un uomo perfettamente fortunato, che nulla possa desiderare di piú, la cui felicità non possa piú stendersi. Augusto era in questo caso. Ma un uomo tanto infelice, che non possa immaginarsi maggiore infelicità, infelicità non solamente fantastica, non solamente possibile, ma realizzata bene spesso in questo o quell’individuo, per quella o per questa parte; un tal uomo non si dà. La fortuna può dire a molti — io non ho maggior potere di beneficarti — , ma nessuno può mai vantarsi e dire alla fortuna — tu non hai forza di nuocermi davantaggio e di aumentare i miei dolori — . Può mancar che sperare, ma nessuno mancherà mai di che temere. La disperazione stessa non basta ad assicurar l’uomo. Nessuno può vantarsi o sdegnarsi con verità dicendo: io non posso essere piú infelice di quel che sono (10 agosto 1821).


*   Molto s’é disputato circa i sinonimi.1 Ecco la [p. 184 modifica]mia opinione. Le lingue primitive piuttosto dovevano significar molte cose con una sola parola, che aver molte parole ec. da significare una stessa cosa. Formandosi a poco

Note

  1. Molte cose e da molti sono state dette in proposito delle voci sinonime, altri negando che ve n’abbia effettivamente, altri affermando; e questo e quello chi d’una, chi d’altra lingua, e chi di tutte in genere.