Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/1555

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 1555

../1554 ../1556 IncludiIntestazione 11 ottobre 2014 100% Saggi

1554 1556

[p. 229 modifica] umana, se non è calmato da verun piacere vivo affligge la nostra esistenza crudelmente, quando anche non v’abbiano altri mali. E i mali son meno dannosi alla felicità che la noia ec., anzi talvolta utili alla stessa felicità. L’indifferenza non è lo stato dell’uomo; è contrario dirittamente alla sua natura, e quindi alla [p. 230 modifica]sua felicità. Vedi la mia teoria del piacere, applicandola a queste osservazioni, che dimostrano la superiorità del mondo antico sul moderno, in ordine alla felicità, come pure dell’età fanciullesca o giovanile sulla matura (24 agosto 1821).


*    Consideriamo la natura. Qual è quell’età che la natura ha ordinato nell’uomo alla maggior felicità di cui egli è capace? Forse la vecchiezza? cioè quando le facoltà dell’uomo decadono visibilmente; quando egli si appassisce, indebolisce, deperisce? Questa sarebbe una contraddizione, che la felicità, cioè la perfezione dell’essere, dovesse naturalmente trovarsi nel tempo della decadenza e quasi corruzione di detto essere. Dunque la gioventú, cioè il fior dell’età, quando le facoltà dell’uomo sono in pieno vigore ec. ec.