Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/180

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 180

../179 ../181 IncludiIntestazione 16 settembre 2009 100% Saggi

179 181

[p. 286 modifica] [p. 287 modifica]atti dell’uomo e non umani, secondo il linguaggio scolastico, ed appartenenti all’istinto, il quale abbiamo comune cogli altri animali, se non fosse affogato dalla ragione. Applicate queste considerazioni a quello che soglion dire gli scrittori religiosi, che il non poter noi trovarci mai soddisfatti in questo mondo, i nostri slanci verso un infinito che non comprendiamo, i sentimenti del nostro cuore e cose tali che appartengono veramente alle illusioni, formino una delle principali prove di una vita futura.


*   Tutto il sopraddetto intorno alla teoria del piacere è un nuovo argomento del quanto si potrebbe semplificare la teoria dell’uomo e delle cose (vedi p. 53) e del come il sistema intero della natura si aggiri sopra pochissimi principii, i quali producono gli infiniti e variatissimi effetti che vediamo, e stabiliti i quali, si direbbe che la natura ha avuto poco da faticare, perché le conseguenze ne son derivate necessariamente e come spontaneamente. I fenomeni dell’animo umano notati dai moderni psicologi perderebbero tutta la maraviglia, la quale deriva ordinariamente dall’ignoranza della relazione e dipendenza che hanno gli effetti particolari colle cause generali. Per esempio, quei fenomeni che ho analizzati e spiegati di sopra derivano immediatamente da un principio notissimo, che è l’amor del piacere. E questo amor del piacere è