Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/2034

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 2034

../2033 ../2035 IncludiIntestazione 27 novembre 2014 100% Saggi

2033 2035

[p. 18 modifica] o in parte è stata fatta, séguita ancora a farsi. Per esempio, adflictare, formato dal participio passato adflictus di adfligere, è come dire adflictum facere, anzi afflictum affligere, il che importa assai piú che adfligere, e viene a dire che colui che adflixit, dopo che il paziente è già in tutto o in parte adflictus, non lascia però ancora di adfligere. Cosí datare, che significa costume di dare, viene grammaticalmente ad esprimere che colui che ha già dato pur segue tuttavia a dare. Viene, insomma, il verbo cosí formato a significare piú azioni o piú parti successive di azioni, cioè atti o azioni secondarie, in una volta e in una sola [p. 19 modifica]voce. Quindi adflictare significa azione o piú continuata o piú perfetta che adfligere. E dico piú perfetta perché mi par che talvolta i verbi continuativi abbiano forza di esprimere un’azione piú terminata, piú intera, piú compiuta di quella significata da’ positivi e