Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/2035

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 2035

../2034 ../2036 IncludiIntestazione 27 novembre 2014 100% Saggi

2034 2036

[p. 19 modifica] quindi piú continua, non quanto a se, ma quanto a’ suoi effetti. E che perciò vengano a dire quasi penitus... re. Vedi il luogo di Gellio nel Forcellini in vexo. La qual significazione conviene pure benissimo con la loro formazione da’ participii passati de’ verbi positivi, giacché il dire che uno, per esempio, fa distrutta una cosa, significa azione piú perfetta e terminata che il dire ch’egli la distrugge. Quello, includendo nel presente il passato, dimostra che il presente, ossia l’azione ch’esso denota, è tanto perfetta, ch’ella è già quasi fosse passata. Questo non ha altra forza che l’ordinaria del presente ec. Al qual proposito si può in qualche modo riferire il verbo francese complèter, formato anch’esso alla maniera de’ continuativi latini da completus di complere, il quale viene a dire completum facere, o far compiuto, (rendre complet, Alberti) e significa assai piú che il nostro compiere. Vedi p. 2039.

Del resto tutto ciò che in questo pensiero e in quello a cui questo si riferisce ho detto dell’azione o dell’atto, dico parimente