Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/2334

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 2334

../2333 ../2335 IncludiIntestazione 4 settembre 2015 100% Saggi

2333 2335

[p. 175 modifica] anche i fenici e i loro coloni cartaginesi ec. E l’impero francese (nato, vissuto e morto in vent’anni, il che serve di prova di fatto a ciò che dico sulla fine della pagina precedente) merita anch’esso un posto fra questo genere d’imperi. Perocché, sebbene la nazion francese è la piú civile del mondo, pure ella non conseguí questo impero se non in forza di una rivoluzione, che, mettendo sul campo ogni sorta di passioni e ravvivando ogni sorta d’illusioni, ravvicinò la Francia alla natura, spinse indietro l’incivilimento (del che si lagnano infatti i bravi filosofi monarchici), ritornò [p. 176 modifica]la Francia allo stato di nazione e di patria (che aveva perduto sotto i re), rese, benché momentaneamente, piú severi i loro dissolutissimi costumi, aprí la strada al merito, sviluppò il desiderio, l’onore, la forza della virtú e dei sentimenti naturali, accese gli odii e ogni sorta di passioni vive, e insomma se non ricondusse la mezzana civiltà degli antichi, certo fece poco meno (quanto comportavano i tempi); e non ad altro si debbono attribuire quelle azioni dette barbare, di cui fu sí feconda