Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/2474

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 2474

../2473 ../2475 IncludiIntestazione 25 settembre 2015 100% Saggi

2473 2475

[p. 262 modifica] Insomma, il giovane di poca virtú non può concepire un odio cosí vivo verso gli uomini, né cosí presto, com’é obbligato a concepirlo il giovane d’animo nobile. Perché colui trova gli uomini e meno infiammati contro di se e meno capaci di nuocergli e meno diversi da lui medesimo. Per lo che, non arrivando mai ad odiare fortemente gli uomini, e odiarli per massima nata e confermata e radicata immobilmente dall’esperienza, non arriva neppure cosí facilmente a quell’eroismo di malvagità fredda, sicura e consapevole di se stessa, ragionata, inesorabile, immedicabile ed eterna, a cui necessariamente dee giungere (e tosto) l’uomo d’ingegno al tempo stesso e di virtú naturale (13 giugno 1822).


*    Diciamo tutto giorno in volgare, venir voglia a uno d’una cosa, venirgli pensiero, talento, desiderio, ec. ec.: vedi la Crusca e i dizionari francesi e spagnuoli. Or chi ardirebbe di dir questo in latino? Chi non lo stimerebbe un barbaro italianismo o volgarismo? Or ecco appunto una tal frase parola per parola nel poema piú perfetto del piú