Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/2732

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 2732

../2731 ../2733 IncludiIntestazione 5 dicembre 2015 100% Saggi

2731 2733

[p. 402 modifica] sue storie) la storia latina restò in mano dei greci, e le azioni nostre furono narrate da Appiano, Dione, Erodiano, anche prima della traslocazione dell’imperio a Constantinopoli, e dopo questa da Procopio, Agazia, Zosimo ec. Senza i quali la storia del nostro impero da Vespasiano in poi, sarebbe quasi cieca, non avendo altri scrittori latini che quei miserabili delle Vite degli Augusti, piene di errori di fatto, di negligenza, di barbarie, e Ammiano non meno barbaro, per non dir di Orosio e d’altri tali piú miserabili ancora. Cosí quella nazione che ne’ tempi suoi piú floridi aveva narrato le sue proprie cose, e i suoi splendidissimi gesti e le sue altissime fortune, e forse prima d’ogni altra aveva dato in Erodoto l’esempio e l’ammaestramento di questo genere di scrittura; dopo tanti secoli, quando già non restava se non la lontana memoria della sua grandezza, estinto il suo imperio e la sua potenza, fatta