Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/3214

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 3214

../3213 ../3215 IncludiIntestazione 12 gennaio 2017 100% Saggi

3213 3215

[p. 250 modifica] sufficientemente distinta per principii e regole, e ordinata e compiuta, come l’hanno i cinesi), giudicarono espressamente piú bella la loro musica che l’europea, la quale i nostri, favoriti in ciò espressamente da un loro imperatore, volevano introdurvi, insieme colle nostre teorie. E ciò furono, se ben mi ricorda, i Gesuiti.

Ho detto in principio che la melodia nella musica non è determinata se non dall’assuefazione o da leggi arbitrarie. Delle melodie determinate dall’assuefazione, e che per ciò sono melodie, perché quelle tali successioni di tuoni convengono con quelle che gli orecchi sono assuefatti a udire, ho discorso fin qui. Le melodie determinate da leggi arbitrarie sono quelle che il popolo e i non intendenti non gustano, se non se nel modo specificato di sopra, senza né conoscere né sentire ch’elle sieno melodie, cioè che quei tuoni cosí succedendosi e intrecciandosi e alternandosi, armonizzino, cioè convengano, tra loro; quelle che pel popolo e per li non intendenti, non sono infatti melodie, ma solo per gl’intendenti; quelle che gl’intendenti soli gustano in virtú del giudizio, quali sono infiniti altri diletti umani (vedi Montesquieu, Essai sur le goût. De la sensibilité, p. 392), massime nelle arti; quelle che non