Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/3240

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 3240

../3239 ../3241 IncludiIntestazione 12 gennaio 2017 100% Saggi

3239 3241

[p. 266 modifica] anzi pure, se dalla nostra stessa vita non l’arguissimo, o se alcuno potesse intendere senza vivere, concepiremmo noi e ritrarremmo in alcun modo dalla piena e perfetta e analitica ed elementare cognizione di quel corpo morto, l’idea della vita? o vogliamo solamente dire l’idea di quel corpo vivo? e intenderemmo noi quale e che cosa fosse l’uomo vivente e il suo modo di vivere esteriore o interiore? Io credo che tutti sieno per rispondere che niuna di queste cose intenderemmo; che volendole congetturare, andremmo le mille miglia lontani dal vero, o sarebbe a scommetter milioni contro uno che di nulla mai, neanche facendo un milione di congetture, ci apporremmo; finalmente ch’egli sarebbe cosa probabilissima, ch’esaminato e conosciuto quel corpo morto, in questa conoscenza ci fermassimo e neppur ci venisse in sospetto ch’ei fosse mai stato altro, né fosse mai stato destinato ad esser altro che quel che noi lo vedremmo e tale qual noi lo vedremmo, né della sua passata vita né dell’uom vivo ci sorgerebbe in capo la piú menoma conghiettura.