Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/3523

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 3523

../3522 ../3524 IncludiIntestazione 25 settembre 2015 100% Saggi

3522 3524

[p. 3 modifica] di frode, di malvagità, e conosce il mondo assai piú che i vecchi stessi per lo passato non facevano ec. [p. 4 modifica]Quindi, per contrarie cagioni e con ben contrari effetti (veggasi la p. 3517-8), son tornate le cose appresso a poco nel loro stato primiero. I giovani massimamente, sono ben piú odiosi e dannosi de’ vecchi, perché in essi alla disposizione intera e alla decisa volontà di mal fare si aggiunge il potere e la facoltà; e l’ardor giovanile, e la forza e l’impeto e il fiore delle passioni, che un dí conduceva gli uomini al bene, ora, conducendogli dirittamente e pienamente e decisamente al male, rende gl’individui tanto piú cattivi, perniciosi ed odiabili, quanto esso ardore è piú grande. Laddove i vecchi sono, non dirò già piú stimabili né venerabili, ma piú tollerabili e meno da essere odiati e fuggiti che quelli dell’altre età, siccome meno potenti di mal fare, benché a ciò solo inclinati; e siccome anche meno desiderosi di nuocere e di far bene a se e male altrui, perché piú freddi, e di piú sedate passioni, e dalla lunga esperienza piú disingannati