Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/358

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 358

../357 ../359 IncludiIntestazione 16 settembre 2009 100% Saggi

357 359

[p. 414 modifica] nuovo calendario, della festa all’Essere Supremo di Robespierre ec. Insomma lo scopo non solo dei fanatici, ma dei sommi filosofi francesi o precursori o attori o in qualunque modo complici della rivoluzione, era precisamente di fare un popolo esattamente filosofo e ragionevole. Dove io non mi maraviglio e non li compiango principalmente per aver creduto alla chimera del potersi realizzare [p. 415 modifica]un sogno e un’utopia, ma per non aver veduto che ragione e vita sono due cose incompatibili, anzi avere stimato che l’uso intiero, esatto e universale della ragione e della filosofia dovesse essere il fondamento e la cagione e la fonte della vita e della forza e della felicità di un popolo. (27 novembre 1820).


*   Il vigore e il ben essere del corpo conferisce alla serenità dell’animo, e la serenità dell’animo al vigore e al ben essere del corpo. Come per lo contrario la debolezza o mal essere del corpo e la tristezza dell’animo. Cosí la natura aveva congegnata e ordinata ogni cosa alla piú felice condizione dell’uomo.


*   Alla p. 223. Le dottrine non rimontano mai verso la loro sorgente e la Riforma invano si sforzava d’arrestare il corso del fiume che la trascinava, dice l’Essai sur l’indifférence en matière de religion, a poco piú di un terzo del capo 6. Cosí tutte le sette, istituzioni, corporazioni, ogni cosa umana si guasta e perde quando s’allontana da’ suoi principii e non c’é altro rimedio che richiamarvela, cosa ben difficile, perché l’uomo non torna indietro senza qualche ragione universale, necessaria ec., come sovversioni del globo, o di