Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/3774

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 3774

../3773 ../3775 IncludiIntestazione 5 dicembre 2015 100% Saggi

3773 3775

[p. 165 modifica] quella destinata e posta effettivamente dalla natura in molte altre specie di animali; filosofi, politici e cento generi di persone si sono continuamente occupati a trovare una forma di società perfetta. D’allora in poi, dopo tante ricerche, dopo tante esperienze, il problema rimane ancora nello stato medesimo. Infinite forme di società hanno avuto luogo tra gli uomini per infinite cagioni, con infinite diversità di circostanze. Tutte sono state cattive; e tutte quelle che oggi hanno luogo lo sono altresí. I filosofi lo confessano; debbono anche vedere che tutti i lumi della filosofia, oggi cosí raffinata, come non hanno mai potuto, cosí mai non potranno trovare una forma di società, non che perfetta, ma passabile in se stessa. Nondimeno ei dicono ancora che l’uomo è il piú sociale de’ viventi. Per società perfetta non intendo altro che una forma di società, in cui gl’individui che la compongono, per cagione della stessa società, non nocciano gli uni agli altri, o se nocciono, ciò sia accidentalmente, e non immancabilmente; una società i cui individui non cerchino sempre e inevitabilmente di farsi male gli uni agli [p. 166 modifica]altri. Questo è ciò che vediamo accadere fra le api, fra le formiche, fra i