Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/3779

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 3779

../3778 ../3780 IncludiIntestazione 5 dicembre 2015 100% Saggi

3778 3780

[p. 169 modifica] ripeto, avrebbero avuto luogo, sí per la poca strettezza di quella società, sí perché in essa e nello stato naturale dell’uomo i vantaggi naturali dell’uno individuo sull’altro sarebbero stati pochi, rari, e piccoli, e i sociali non vi sarebbero stati affatto. La disuguaglianza tra gli uomini che la società rende naturalmente somma e di mille generi sarebbe stata quasi nulla e limitata a ben poche cose. Infatti fra gli altri animali, fra cui la società è scarsa, la disuguaglianza fra gli individui è rara e sempre scarsissima; cosí i vantaggi degli uni sugli altri. Quindi le dette passioni, che sono necessariamente suscitate da’ vantaggi e dalla disuguaglianza ch’è inevitabilmente prodotta da una società stretta, sono fra gli altri animali rarissime e debolissime. E quelle che nascono dall’orgoglio naturale di ciascheduno individuo, necessariamente punto ed afflitto e molestato dal comando, dalle dignità, dalle preminenze qualunque, dalla stima e dalla gloria degli altri individui della stessa specie e compagnia, non avrebbero avuto luogo nella società scarsa in modo alcuno, né l’hanno tra gli animali i piú socievoli, perché né in quella si sarebbero trovati, né fra questi si trovano gli oggetti che le suscitano, anzi neppur l’idea loro, non che il desiderio. E quanto al comando, se ve n’ha vestigio alcuno tra gli animali, come tra le api, tra’ buoi, tra gli elefanti (vedi Arriano, Indica), esso viene da superiorità di natura e quasi di specie, intorno a cui non ha luogo invidia né emulazione; come le pecore non possono invidiare al montone che le conduce e quasi governa perch’egli è di sesso piú [p. 170 modifica]forte, né le donne invidiano agli uomini la loro maggior fortezza, nello stesso modo che noi non l’invidiamo al leone. Oltre di che il comando