Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/3913

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 3913

../3912 ../3914 IncludiIntestazione 22 dicembre 2018 100% Saggi

3912 3914

[p. 288 modifica] materiale, piú occulto e immaginabile che manifesto e sensibile, piú interiore che esteriore. E come le idee che hanno relazione alla parte interna ed occulta dell’uomo sono naturalmente vaghe ed incerte, quindi [p. 289 modifica]l’idea dell’oggetto amabile, considerato nel detto modo, cominciò necessariamente ad avere del misterioso, congiungendosi in essa idea la considerazion dello spirito a quella del corpo; e acquistando di mano in mano la prima considerazione sopra la seconda, sempre piú misteriosa ne dovea divenire l’idea dell’oggetto amato, sino ad aver finalmente piú del mistico, dell’incerto e del vago, che del chiaro e determinato. Cosí i sentimenti e le idee che appartengono alla passion dell’amore pigliarono sempre piú dell’indefinito a proporzion della civilizzazione (e quindi essa passione divenne, non v’ha dubbio, incomparabilmente piú dilettosa); tanto che, quantunque il principio dell’amore sia quel medesimo necessariamente oggi che fu ne’ primitivi, che è ne’ selvaggi, che è e fu sempre ne’ bruti, ed altrettanto materiale e animale, nondimeno essa passione, adunando in se lo spirituale col materiale, è divenuta cosí diversa da quelle, che certo l’amor propriamente sentimentale non sembra aver nulla che fare né coll’amore de’ selvaggi, né con quello de' bruti, ma essere di natura e di principio e di origine affatto diverso e distinto. Ed oggidí anche l’amore il meno platonico e il piú sensuale pur tiene necessariamente nelle sue idee e ne’ suoi sentimenti assaissimo dello spirituale, e quindi dell’immaginoso, e quindi del vago e dell’indefinito; e nell’oggetto amato