Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/402

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 402

../401 ../403 IncludiIntestazione 16 settembre 2009 100% Saggi

401 403

[p. 446 modifica] seminano. Intendo parlare di qualunque cibo del quale si pascano. Del vestire, l’uomo abbisogna nello stato presente, essi no, ma nascono vestiti dalla natura. La società primitiva qual è usata anche dagli animali, il raziocinio primitivo, ossia il principio di cognizione comune a tutti gli esseri capaci di scelta, erano destinati a supplire ai bisogni dell’uomo. La società qual è, la ragione qual è ridotta, accresce [p. 447 modifica]smisuratamente questi bisogni: il mezzo di servire ai bisogni e di estinguerli è divenuto padre e cagione e fonte perenne e abbondantissima di bisogni. I bisogni naturali dell’uomo sarebbero pochissimi, come quelli degli altri anmali; ma la società e la ragione aumentano il numero e la misura de’ suoi bisogni eccessivamente. Questa distinzione, fra’ bisogni naturali e sociali o fattizi e nonpertanto inevitabili nel nostro stato, formava il fondamento della setta cinica, la quale si prefiggeva di mostrare col fatto di quanto poco abbisogni l’uomo naturalmente. Vedi l’epitaffio di Diogene nel Laerzio. L’uomo fu dunque veramente condannato alla fatica e fatica di stento; vi fu condannato a differenza degli altri animali; ed essendovi stato condannato sotto l’aspetto che ho esposto, non ne segue che la sua vita innanzi la corruzione dovesse essere inattiva, cioè dovesse