Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/403

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 403

../402 ../404 IncludiIntestazione 16 settembre 2009 100% Saggi

402 404

[p. 447 modifica] contenere meno attività ed occupazione fisica, di quello che ne contenga la vita degli altri animali.

6°. Se la religione ha poi divinizzato la ragione e il sapere; dato la preferenza allo spirito sopra i sensi; fatto consistere la perfezione dell’uomo nella ragione a differenza dei bruti; e in somma dato alla ragione il primato nell’uomo sopra la natura: tutto ciò non si oppone al mio sistema. L’uomo era corrotto, cioè, come ho dimostrato, la ragione aveva preso il disopra sulla natura: e quindi l’uomo era divenuto sociale: quindi l’uomo era divenuto infelice, perché prevalendo la ragione, la sua natura primitiva era alterata e guasta, ed egli era decaduto dalla sua perfezione primigenia, la quale non consisteva in altro che nella sua essenza o condizione propria e primordiale. Da questo stato di corruzione l’esperienza prova che l’uomo non può tornare indietro senza un miracolo: lo prova anche la ragione, perché quello che si è imparato non si dimentica. In fatti la storia dell’uomo non presenta altro che un passaggio continuo [p. 448 modifica]da un grado di civiltà ad un altro, poi all’eccesso di civiltà e finalmente alla barbarie e poi da capo. Barbarie, s’intende, di corruzione, non già stato primitivo