Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/4046

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 4046

../4045 ../4047 IncludiIntestazione 8 dicembre 2016 100% Saggi

4045 4047

[p. 423 modifica] [p. 424 modifica]

*    Acertado per que acierta o que suele acertar, tanto di persona quanto di cosa. D. Quijote, parte II, cap. 25, verso il fine, cap. 26, un poco sotto il principio ec. (12 marzo 1824).


*    Ἐθέλω per δύναμαι ec., del che altrove. Vedi Luciano, Opera, 1687, tom.I, p. 222, linea 10, in Dearum iudicio, e Platone, Phaedon: Opera, Astii, t. I, p. 478, B. (12 marzo 1824).


*    Il nostro pronome si, massime nel dir toscano, spessissimo ridonda, per grazia e proprietà di lingua e per idiotismo, contro le leggi grammaticali delle favelle. Cosí fra’ latini il pronome sibi (a cui risponde il nostro si, che ne’ detti casi, non so se tutti, è dativo, come in se n’andò e simili), massime appo gli antichi, e questi comici, onde siffatto uso dovette esser proprio del dir volgare o familiare. Vedi il Forcellini in Sui (13 marzo 1824). Vedi qui sotto.


*   Essere in se (être en soi ec. Vedi i dizionari francese e spagnuolo) - ἐν ἑαυ εἶναι. Vedi Luciano nel Dial. di Nettuno e Polifemo; Opera, 1687, t. I, p. 241, fine. Cosí esso ed altri sovente. Il Forcellini non ha nulla in proposito, né in Sui, né in Sum (13 marzo 1824).


*    Carra plurale di carro (14 marzo, seconda domenica di Quaresima, 1824).


*    Necessitado per que necessita, cioè ha menester, e si unisce anche col genitivo, come il suo verbo. D. Quijote in piú luoghi. Quanto ad errado, di cui altrove, notisi che in ispagnuolo si dice anche errarse. D. Quijote, parte II, cap. 27, se havia errado (avea sbagliato) (14 marzo 1824). [p. 425 modifica]


*    Al capoverso 3, di questa pag. Dubito che anche in francese e in ispagnuolo anche piú vi sieno usi simili. Vedi, per esempio, il fine del pensiero precedente (14 marzo 1824).


*    I nostri nomi diminutivi o disprezzativi ec. in acchio ecchio ec. e i verbi diminutivi o frequentativi o disprezzativi ec. in acchiare ecchiare ec. sono di una forma espressamente originata dal latino, cioè dalla forma diminutiva o frequentativa