Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/4226

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 4226

../4225 ../4227 IncludiIntestazione 18 settembre 2019 100% Saggi

4225 4227

[p. 158 modifica] sua setta, si tagliò co’ denti la lingua, e la sputò in faccia al [p. 159 modifica]tiranno. Giamblico, Vita di Pitagora, cap. XXXI. Imitazione della storia di Leena, amica di Armodio e Aristogitone, come osserva il Menagio, il quale vedi, Hist. Mulier. philosopharum, segm. 94-98. E molte di siffatte narrazioni parallele si debbono interamente agli scrittori imitanti in altra materia le tradizioni e storie antiche ec. (Recanati, 16 novembre 1826).


*   Μία χελιδὼν ἔαρ οὐ ποιεῖ. Fragm. Teletis ex commentario de comparatione divitiarum et paupertatis, ap. Stob., serm. 95. σύγκρισις πενίας καὶ πλούτου, ed. Basil., 1549, p. 522. Vedi Mannuccii Adagia, Venet., 1609, col. 469. - Una rondine non fa primavera. Vedi la Crusca. Proverbio greco passato nel volgare e popolare italiano.


*    Alla p. 4212, fine. Perictyones Pythagoricae ex libro de Mulieris concinnitate, ap. Stob., serm.83. Οἰκονομικός. Σκῆνος (corpus) γὰρ ὲθέλει (rεquirit) μὴ ῥιγέειν, μηδὲ γυμνὸν εἶναι, χάριν εὐπρεπείης· ἄλλου δὲ ουδενὸς χρήζει (indiget.) Parla biasimando la sontuosità del vestire.


*    Alla p. 4165. È usato pur da Hierocles, lib. de Amore fraterno ap. Stob., serm. 82. ὅτι κάλλιστον ἡ φιλαδελφία, p. 475, verso il fine, ed. Basil., 1549 (Recanati, 16 novembre 1826).


*    Bellissima è l’osservazione di Ierocle nel libro de Amore fraterno, ap. Stobeo, serm. 82, ὅτι κάλλιστον ἡ φιλαδελφία etc., 84 Grot., 82 Gesner., che essendo la vita umana come una continua guerra, nella quale siamo combattuti dalle cose di fuori (dalla natura e dalla fortuna), i fratelli, i genitori, i parenti ci son dati come alleati e ausiliari ec. E io, trovandomi lontano dalla mia famiglia, benché circondato da persone benevole, e benché senza inimici, pur mi ricordo di esser [p. 160 modifica]vissuto in una specie di timore