Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura/630

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pagina 630

../629 ../631 IncludiIntestazione 27 ottobre 2012 100% Da definire

629 631


[p. 101 modifica] ignota e inconcepibile, anche può perire in maniera del tutto ignota e inconcepibile all’uomo. Dico può perire, non dico perisce, perché non posso, come non si può dire umanamente il contrario, non perisce, ovvero, non può perire perché la materia perisce in altro modo ed ella non può perire come la materia. Dico può perire, perché non è piú difficile né inverisimile una tal maniera di perire, che una tal maniera di essere (una maniera, dico, inconcepibile all’uomo), una tal morte che una tale esistenza. Tutte [p. 102 modifica]due sono ugualmente fuori della nostra portata, la quale non si estende una mezza linea al di là della materia.

Vo anche piú avanti e dico, che, se la semplicità è principio necessario d’immortalità, neanche la materia può perire. Se la materia è composta, sarà composta di elementi che non sieno composti. Non cerco ora se questi elementi sieno quelli de’ chimici o altri piú remoti e primitivi; ma andiamo pur oltre quanto vogliamo, dovremo sempre arrivare e fermarci in alcune sostanze veramente semplici e che non abbiano in se quidquam admistum dispar