Pensieri e discorsi/La messa d'oro/XII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../XI

../XIII IncludiIntestazione 24 ottobre 2012 100% Da definire

La messa d'oro - XI La messa d'oro - XIII
[p. 296 modifica]

XII.


Si abbracceranno nel gran giorno, prima di marciare alla morte, per difenderla, la cara madre, tanto nobile quanto povera. E tu parla, in segreto, all’Invisibile, di quel gran giorno, se spunterà, in cui dovremo, difendendo ciò che è già nostro, ripetere ciò che non è ancor nostro. In segreto, o pio, deprecando e pregando, fremendo e piangendo... Ma dì forte al popolo: Sursum corda!

Prepariamoli questi cuori amareggiati! Non si graffino ora, i destinati a morire accanto! Odimi, anzi: alza la tua potente voce d’apostolo, come io ora ho fatto intendere il mio cicaleccio di discepolo: io per la tua Opera d’assistenza, ma tu per la società che ha il nome e il compito dal Genio dell’italianità, Dante Alighieri!

L’Italia ha bisogno di tutti i suoi figli. Tristi i figli che negano soccorso alla madre; più tristi quelli che alla madre che ne ha necessità, calunniano gli uni il dono degli altri, sussurrandole: “Non prenderlo: è veleno! Viene dai preti! Viene dai massoni!„.