Pescatori d'Islanda/Parte V/Capitolo VIII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Capitolo VIII

../Capitolo VII ../Capitolo IX IncludiIntestazione 30 luglio 2017 75% Da definire

Pierre Loti - Pescatori d'Islanda (1886)
Traduzione dal francese di Carlo De Flaviis (1911)
Capitolo VIII
Parte V - Capitolo VII Parte V - Capitolo IX

[p. 148 modifica]

Capitolo Ottavo.


Gl’islandesi ritornavano. Nella seconda giornata due battelli, nella terza, quattro e poi dodici nella settimana seguente. E nel paese la gioia ritornava con essi, essendo una grande festa per le spose, per le madri; festa anche nelle osterie dove le belle ragazze Paimpolesi danno da bere ai pescatori.

La «Leopoldina» restava del gruppo dei ritardatarii: ne mancavano ancora dieci e non potevano ritardare.

Gaud all’idea che fra otto giorni (si dava questo tempo lungo per non provare delusione) avrebbe riavuto Yann, il suo Yann, si sentiva presa da un’ebbrezza deliziosa che la faceva fremere e impazzire di felicità. E manteneva la casetta molto in ordine, molto pulita, molto netta per riceverlo degnamente. Avendo tutto aggiustato non le restava più niente da fare e cominciava a non aver più la testa a posto per la grande impazienza. [p. 149 modifica]Tre dei ritardatarii arrivarono e poi ancora cinque. Due solamente mancavano all’appello.

— Allora — dicevano ridendo — quest’anno la «Leopoldina» e la «Maria-Giovanna» raccoglieranno le granate del ritorno.

E Gaud rideva anche lei, più animata e più bella, nella sua trepida gioia di aspettazione.