Poema paradisiaco/Hortus conclusus/Sopra un "Adagio"

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Hortus Conclusus

Sopra un "Adagio

../Ancora sopra l'"Erotik" ../Autunno IncludiIntestazione 25 aprile 2010 75% Da definire

Hortus conclusus - Ancora sopra l'"Erotik" Hortus conclusus - Autunno


[DI JOHANNES BRAHMS]



Tutto è silenzio, lùgubre infinito
silenzio, nel lontano
regno che regnerai. Simile a un nero
sepolcro è un trono vacuo, deserto
5da tempo immemorabile, fatale:
ove già stette solitario assiso
un re onnipossente.
 
Riluceano il carbonchio e il crisolito
sul suo capo sovrano
10mistici come gli astri; un gran pensiero
recingevano i cerchi del suo serto;
e più di quel fulgore siderale
risplendea quel pensiero nel suo viso
muto, indicibilmente.
 
15Nel dominio attingea l’estremo lito
il gesto de la mano
sacra; levava i turbini un severo
cenno. Fioria la messe dal deserto,
rose fiorian da l’infecondo sale,
20risorgeano le vampe, al suo sorriso,
da le ceneri spente.
 
E scomparve. Sta un lugubre infinito
silenzio sul lontano
regno che regnerai; ed un mistero
25profondo, come in un sepolcro aperto,
troverai tu nel trono, o spiritale
regina di quel morto paradiso
che tace eternamente,
 
o vana luce di quel paradiso
30morto ne la mia mente!