Poemi conviviali/L'ultimo viaggio/XVIII L'isola delle capre

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
L'ultimo viaggio

L'isola delle capre

../XVII L'amore ../XIX Il ciclope IncludiIntestazione 28 agosto 2011 100% Poesie

L'ultimo viaggio - XVII L'amore L'ultimo viaggio - XIX Il ciclope


[p. 81 modifica]

XVIII


l’isola delle capre


     Indi più lungi navigò, più triste,
E corse i flutti nove dì la nave
or col remeggio or con la bianca vela.
E giunse alfine all’isola selvaggia
ch’è senza genti e capre sole alleva.

[p. 82 modifica]

E qui vinti da sonno e da stanchezza
dormian sul lido a cui batteva l’onda.
     Ma con la luce rosea dell’aurora
vide Odisseo la terra dei Ciclopi,
non presso o lungi, e gli sovvenne il vanto
ch’ei riportò con la sua forza e il senno,
del mangiatore d’uomini gigante.
Ed oblioso egli cercò l’Aedo
per dire a lui: Terpiade Femio, il sogno
dolce e dimenticato io lo risogno:
era la gloria... Ma il vocale Aedo
dormia sotto le stridule aspre foglie,
e la sua cetra là cantava al vento
il dolce amore addormentato in cuore,
che appena desto solo allor ti muore.
E l’Eroe disse ai vecchi remiganti:
     Compagni, udite. Qui non son che capre;
e qui potremmo d’infinita carne
empirci, fino a che sparisca il sole.
Ma no: le voglio prendere al pastore,
pecore e capre; ch’è, così, ben meglio.
È là, pari a un cocuzzolo silvestro,
quel mio pastore. Io l’accecai. Ma il grande
cuor non m’è pago. Egli implorò dal padre,
ch’io perdessi al ritorno i miei compagni,
e mal tornassi, e in nave d’altri, e tardi.
Or sappia che ho compagni e che ritorno
sopra nave ben mia dal mio ritorno.
Andiamo: a mare troveremo un antro
tutto coperto, io ben lo so, di lauro.
Avessi ancora il mio divino Aedo!
Vorrei che il canto d’Odisseo là dentro
cantasse, e quegli nel tornare all’antro
sostasse cieco ad ascoltar quel canto,

[p. 83 modifica]

coi greggi attorno, il mento sopra il pino.
E io sedessi all’ombra sua, nel lido!
     Disse, e ai compagni longiremi ingiunse
di salir essi e sciogliere gli ormeggi.
Salirono essi, e in fila alle scalmiere
facean coi remi biancheggiare il flutto.
E giunti presso, videro sul mare,
in una punta, l’antro, alto, coperto
di molto lauro, e v’era intorno il chiuso
di rozzi blocchi, e lunghi pini e quercie
altochiomanti. E il vecchio Eroe parlava:
     Là prendiam terra, ch’egli dal remeggio
non ci avvisti; ch’a gli orbi occhio è l’orecchio;
e non ci avventi un masso, come quello
che troncò in cima di quel picco nero,
e ci scagliò. Rimbombò l’onda al colpo.
     Ed accennava un alto monte, tronco
del capo, che sorgeva solitario.