Poemi conviviali/L'ultimo viaggio/XV La procella

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
L'ultimo viaggio

La procella

../XIV Il pitocco ../XVI L'isola Eea IncludiIntestazione 28 agosto 2011 100% Poesie

L'ultimo viaggio - XIV Il pitocco L'ultimo viaggio - XVI L'isola Eea


[p. 76 modifica]

XV


la procella


     E sopra il flutto nove dì la nave
corse sospinta dal remeggio alato,
e notte e giorno, ché Odisseo due schiere
dinumerò degl’incliti compagni;
e l’una al sonno e l’altra era alla voga.
Nel decimo l’aurora mattiniera
a un lieve vento dispergea le rose.
Ei dalla scassa l’albero d’abete
levò, lo congegnò dentro la mastra,
e con drizze di cuoio alzò la vela,
ben torto, e saldi avvinse alle caviglie
di prua li stragli, ma di poppa i bracci.
E il vento urtò la vela in mezzo, e il flutto
rumoreggiava intorno alla carena.
E legarono allora anche le scotte
lungo la nave che correa veloce:
e pose in mezzo un’anfora di vino
Iro il pitocco, ed arrancando intorno
lo ministrava ai marinai seduti;
e sorse un riso. E nove dì sul flutto
li resse in corsa il vento e il timoniere.
Nel decimo tra nubi era l’aurora,
e venne notte, ed una aspra procella
tre quattro strappi fece nella vela;
e il Laertiade ammainò la vela,
e disse a tutti di gettarsi ai remi;
ed essi curvi sopra sé di forza
remigavano. E nove dì sbalzati

[p. 77 modifica]

eran dai flutti e da funesti venti.
Infine i venti rappaciati e i flutti,
sul far di sera, videro una spiaggia.
A quella spinse il vecchio Eroe la nave,
in un seno tranquillo come un letto.
E domati da sonno e da stanchezza,
dormian sul lido, ove batteva l’onda.
     Ma non dormiva egli, Odisseo, pur vinto
dalla stanchezza. Ché pensava in cuore
d’essere giunto all’isola di Circe:
vedea la casa di pulite pietre,
come in un sogno, e sorgere leoni
lenti, e le rosse bocche allo sbadiglio
aprire, e un poco già scodinzolare;
e risonava il grande atrio del canto
di tessitrice. Ora Odisseo parlava:
     Terpiade Femio, dormi? Odimi: il sogno
dolce e dimenticato ecco io risogno!
Era l’amore; ch’ora mi sommuove,
come procella omai finita, il cuore.
     Diceva; e nella notte alta e serena
dormiva il vento, e vi sorgea la falce,
su macchie e selve, della bianca luna
già presso al fine, e s’effondea l’olezzo
di grandi aperti calici di fiori
non mai veduti. Ed il gran mare ancora
si ricordava, e con le lunghe ondate
bianche di schiuma singhiozzava al lido.