Poesie (Eminescu)/Appendice/XII (78). Doina

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XII (78). Doina

../XI (76). Dal folto dei nocciuoli ../XIII (77). Colinde IncludiIntestazione 25 giugno 2018 100% Da definire

Mihai Eminescu - Poesie (1927)
Traduzione di Ramiro Ortiz (1927)
XII (78). Doina
Appendice - XI (76). Dal folto dei nocciuoli Appendice - XIII (77). Colinde
[p. 137 modifica]

XII (78).

DOINA.


Dalla Tisza al Nistro in pena
  freme ogni anima romena:
traversar la Romania

[p. 138 modifica]

  non si può: chiudon la via
5gli stranieri. Insino al mare
  dall’Hotin non si può andare.
Dalla Vatra alla Boiana
  roso ha il tarlo l’avellana;
succhian sangue gli stranieri
  10si che più non sei qual eri.
Su pel monte, giù a la valle,
  lo stranier s’è aperto il calle.
Da Sacele a Satenare
  per sentieri altri passare,
15fuor dei suoi, giammai non lice:
  oh, Romen tristo e infelice,
come il granchio, va a sghimbescio!
  Il raccolto va a rovescio;
nè l’autunno vien per lui,
  20nè l’estate vien per lui:
nella patria egli è straniere!
  L’inimico a schiere a schiere
vien da Torre a Dorochoi
  e si pianta in mezzo a noi.
25Com’ei vien per ferrovia,
  gli uccelletti volan via;
del cristian resta vicino
  l’uscio l’ombra dello spino!
Ahi, la terra scopre il seno!
  30Cade il bosco (del romeno
gran fratello) della scure
  sotto i colpi, e le sue pure
polle d’acqua va seccando,
  miserando in miserando
35tenitoro. Chi gli estrani
  invitò, mangingli i cani
l’atro cuor, gli porti via
  figli e ben la carestia,
40e la rea sterilità.
  O Stefano, Maëstà,

[p. 139 modifica]

orsù a Putna la tua vita
  non passar; l’Archimandrita
s’abbia in cura l’Abbazia;
  lascia i santi alla balìa
45de’suoi frati: giorno e notte
  suonin essi ininterrotte
le campane finché piaccia
  al Signore che tu faccia
grande e libera tua gente.
50 Dalla tomba, orsù, repente
balza fuori, e suona il corno:
  si raccolga a te d’intorno
la Moldavia. A due riprese
  se lo intoni, alle difese
55tutti i boschi accorreranno;
  e i nemici periranno
da una terra all’altra terra;
  se tre volte si disserra
del tuo corno il grande suono:
65 cani e forche in ansia sono.