Poesie (Eminescu)/LVIII. Fuori è autunno

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
LVIII. Fuori è autunno

../LVII. Perchè non vieni ../LIX. Son passati molt’anni IncludiIntestazione 27 giugno 2018 100% Da definire

Mihai Eminescu - Poesie (1927)
Traduzione di Ramiro Ortiz (1927)
LVIII. Fuori è autunno
LVII. Perchè non vieni LIX. Son passati molt’anni
[p. 75 modifica]

LVIII.

FUORI È AUTUNNO....


Fuori è autunno, le foglie cadono
e grandi gocce il vento spinge contro i vetri;
tu lettere rileggi dalle sgualcite buste,
e in un’ora a tutta la tua vita ripensi.

5Perdendo il tempo in tuoi dolci nonnulla,
vorresti che nessuno all’uscio tuo battesse....
Oh si sta bene, quando fuori piove,
accanto al fuoco a sognare..., a sonnecchiare!

Anch’io nella mia poltrona sto a fantasticare
10col pensiero alla leggenda della strega Dochia,
e, a poco a poco, una nebbia par m’avvolga.

Ma il fruscio a un tratto odo d’una gonna,
un molle passo ascolto che tocca a pena la terra,
e mani affilate e fredde mi copron le’ palpebre.