Poesie (Porta)/116/1 - TRADUZIONE DALL'"INFERNO" DI DANTE Canto III

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
116/1 - TRADUZIONE DALL'"INFERNO" DI DANTE Canto III

../../115 - TRADUZIONE DALL'"INFERNO" DI DANTE Canto II ../2-4 - Gent de millia strazion, millia pajes IncludiIntestazione 27 settembre 2008 75% poesie

Carlo Porta - Poesie (XIX secolo)
116/1 - TRADUZIONE DALL'"INFERNO" DI DANTE Canto III
115 - TRADUZIONE DALL'"INFERNO" DI DANTE Canto II 116 - 2-4 - Gent de millia strazion, millia pajes

 
TRADUZIONE DALL’"INFERNO" DI DANTE

Canto III
Dessora a ona portascia che someja
a quella gran sgavasgia de dragon
che metten foeura al convitaa de preja,
gh’era scritt sti paroll cont el carbon;
Porta che menna all’eterna boreja,5
al paes di rottoeuri e di magon:
gent che passee no lusinghev on corna
de trovagh el calessi de ritorna.

S’ciavo sur mascher! chi ghe va ghe resta:
non staa faa per castigh de la malizia10
di angior che han creduu de alzà la cresta
e de quij che con lor strengen missizia.
Dio el m’ha faa per vess eterna, e questa
l’è la sentenza de la soa giustizia,
e a quij ch’è denter poeù ghe la perdonna15
se la ciamen giustizia bozzaronna.

In del legg sti paroll sont restaa in botta
e ghe disi a Vergilli: Andemm o stemm?
E lu drollo! el respond: Stemm giust nagotta.
Quest l’è l’usc dell’inferno e adess ghe vemm.20
T’hoo ditt ch’emm da vedè tutta la motta
di nemis del Signor: la vedaremm.
Spiret, coragg! com’eela? Uh la minee,
te pensarisset fors de tornà indree?
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25