Poesie (Porta)/117/2 - Leggevem on bell dì per noster spass

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
117/2 - Leggevem on bell dì per noster spass

../1 - TRADUZIONE DALL'"INFERNO" DI DANTE Canto V ../../118 - TRADUZIONE DALL'"INFERNO" DI DANTE Canto VII IncludiIntestazione 27 settembre 2008 75% poesie

Carlo Porta - Poesie (XIX secolo)
117/2 - Leggevem on bell dì per noster spass
117 - 1 - TRADUZIONE DALL'"INFERNO" DI DANTE Canto V 118 - TRADUZIONE DALL'"INFERNO" DI DANTE Canto VII

 
Leggevem on bell dì per noster spass
i avventur amoros de Lanzellott;
no gh’eva terz incomod che seccass,
stoo per dì s’avarav poduu stà biott;
e rivand in del legg a certi pass5
ne vegneva la faccia de pancott
e i nost oeucc se incontraven, come a dì
perché no pomm fà istess anca mì e ti?

Ma quand semm vegnuu al punt che el Paladin
el segilla a Zenevra el rid in bocca10
cont el pù cald e s’ciasser di basin,
tutt tremant el mè Pavol me né imbocca
vun compagn che ’l ne fa de zoffreghin.
Ah liber porch, fioeul d’ona baltrocca!
Tira giò galiott che te see bravo:15
per tutt quell dì gh’emm miss el segn, e s’ciavo!