Poesie varie (Pascoli)/1882-1895/I sepolcri

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../Sera

../Scherzo IncludiIntestazione 7 novembre 2012 100% Poesie

1882-1895 - Sera 1882-1895 - Scherzo
[p. 85 modifica]

I SEPOLCRI1


v


Ardono i ceri al piede dell’altare
nelle tenebre gravi, umide, intente,
dove pur s’ode continuamente
4frusciare, sgonnellare, stacchettare.

Il sol muore. Oh! non qui venni a pregare
quel nuovo Dio tra i ceri sanguinente;
io, salutando il Dio di nostra gente,
8tendo le braccia all’infinito mare:

dove la vampa del suo rogo annera
fumando, e il vento piange, e lo seconda
11l’ululo d’accorrenti onde marine.

Stelle tu versi ad una ad una, o Sera.
Largo il pianto rampolla a la profonda
14Sera, disfavillando senza fine.

Massa, 1885.

Note

  1. [p. 232 modifica]è l’eco di una visita fatta con le sorelle alla chiesa dei cappuccini a Massa nel giovedì santo. Fu stampato in una Strenna, poi nella [p. 233 modifica]prima ediz. di Myricae. In seguito lo tralasciò per quel saporetto pagano contrario al suo sentimento.