Priapea/XVI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XVI

../XV ../XVII IncludiIntestazione 21 gennaio 2012 100% Da definire

XV XVII
[p. 75 modifica]

XVI.


Donne, voi che cotanto avete a caro
     Gir d’un orto in un altro, e fuor di via,
     Pensate forse andare ov’io non sia
     4Perchè il fuggirmi già vi sia riparo?
Qual’è quell’orto che non sia mio, chiaro
     Dov’io non aggia la podestería
     Potrebbemisi dir che non fia mia
     8La Mergellina ch’ebbe il Sannazaro?
Voi v’ingannate, ch’ho per tutto impero,
     E posso in tutti gli orti, chi c’inciampa
     11Castigar col mio solito mistiero.
Nudo e sbragato, e rosso come vampa
     Son pure in ogni loco: Questo è vero,
     14Che tutti i cazzi non son d’una stampa.