Primi poemetti/L'accestire/Grano e vino

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../La veglia

../L'oliveta e l'orto IncludiIntestazione 26 luglio 2012 100% Poemetti

L'accestire - La veglia L'accestire - L'oliveta e l'orto
[p. 123 modifica]

GRANO E VINO


i


“Oh! il campetto con siepe e con fossetto!
Nel verno io voglio, ch’io non son cicala,
3il mio grano con me sotto il mio tetto.

Il buon odor di pane che si esala
da quel brusìo di mille chicchi d’oro,
6quando il mio mucchio muovo con la pala!

Caro il mio grano! Quando il mio tesoro
mando al mulino, se ne va, sì, questo;
9ma quello nasce sotto il mio lavoro.

Io le mie braccia, Dio ci mette il resto.
Me ne sa male; ed ecco che ogni staio
12che mando, dice: - Mandami: fo cesto;

mandami: imboccio. - Io mando al buon mugnaio.
- Mandami: impongo; mandami: rassodo. -
15Poi, quando nulla resta nel solaio,

l’ultimo dice: - To’ la falce: a modo! -

[p. 124 modifica]


ii


Lodo la spiga e lodo ancor la pigna.
Ma la pigna e la spiga hanno gran liti
19tra loro. — Io non vo’ grano nella vigna —

Padrone, su le prode io non vo’ viti: -
se lo bei, non lo mangi ― Io non do noia:
22tanto mi tagli, quando mi mariti! -

È infida... ― Ogni anno ella convien che muoia —
Sempre soffietti... ― e ari a capo chino —
25Io sono la tua vita ― Io la tua gioia —

Tua carne è il pane ― Ma tuo sangue, il vino —
Che odore sa l’odore di pan fresco! —
28E che cantare fa cantar di tino! -

Io son di casa ― Io più, che mai non esco:
tu mi macini in casa co’ tuoi piedi —
31Tu, con me solo, puoi sederti a desco —

Ti levi, senza me, come ti siedi —


iii


Tu pigna dura per insù, tu molle
spiga all’ingiù, vivete dunque in pace!
35Per l’una il piano, sia per l’altra il colle.

[p. 125 modifica]


Io la madia e la botte amo; e il loquace
tino ben canta, e bene odora il forno:
38io ridirvi non so quanto mi piace

il vin d’un anno con il pan d’un giorno!